Tutti gli articoli di Redazione

Scala CAI dei Sentieri

Le sezioni CAI organizzano gite per soci e non soci, anche la sezione di Laveno Mombello ha un ricco programma che prevede ciaspolate in inverno e camminate più o meno difficili su montagne dei dintorni e non solo, nel resto dell’anno. Gli organizzatori giustamente specificano sempre, per ogni passeggiata, il grado di difficoltà, al fine di preparare psicologicamente tutti gli interessati e di fare capire loro cosa gli aspetta!  Di solito il venerdì sera prima della passeggiata domenicale si discute in sede di tutto quello che si deve portare o, se il tempo non promette bene, si prende insieme la decisione di rimandare il tutto.

Le scale di difficoltà presenti nel programma fanno riferimento alla scala CAI.

Questa scala tiene conto di tre parametri oggettivi fondamentali: il dislivello, la distanza planimetrica, la segnaletica del percorso. Riportiamo le definizioni presenti nella Guida dei Monti d’Italia del CAI:

T = turistico.
Itinerari su stradine, mulattiere o larghi sentieri, con percorsi non lunghi, ben evidenti e che non pongono incertezze o problemi di orientamento. Si svolgono di solito sotto i 2000 metri e hanno un dislivello di solito inferiore ai 500 m.
Richiedono una certa conoscenza dell’ambiente montano e una preparazione fisica alla camminata.

E = escursionistico.
Itinerari che si svolgono su sentieri di ogni genere, oppure su evidenti tracce di passaggio in terreno vario (pascoli, detriti, pietraie), di solito con segnalazioni; possono esservi brevi tratti pianeggianti o lievemente inclinati di neve residua dove, in caso di caduta, la scivolata si arresta in breve spazio e senza pericoli. Si sviluppano a volte su terreni aperti, senza sentieri, ma non problematici, sempre con segnalazioni adeguate. Possono svolgersi su pendii ripidi, dove tuttavia i tratti esposti sono in genere protetti o assicurati (cavi). Possono avere singoli passaggi, o tratti brevi su roccia, non esposti, non faticosi nè impegnativi, grazie alla presenza di attrezzature (scalette, pioli, cavi) che però non necessitano l’utilizzo di equipaggiamento specifico (imbragatura, moschettoni, ecc.).
Richiedono un certo senso di orientamento, come pure una certa esperienza e conoscenza dell’ambiente alpino, allenamento alla camminata, oltre a calzature ed equipaggiamento adeguati. Normalmente il dislivello è compreso tra i 500 e i 1000m.
Costituiscono la grande maggioranza dei percorsi escursionistici sulle montagne italiane.

 EE = per escursionisti esperti.

Si tratta di itinerari generalmente segnalati, ma che implicano la capacità di muoversi su terreni particolari. Sentieri o tracce su terreno impervio (pendii ripidi e/o scivolosi di erba, o misti di rocce e di erba, o di roccia e detriti). Terreno vario, a quote relativamente elevate (pietraie, brevi nevai non ripidi, pendii aperti senza punti di riferimento, ecc). Tratti rocciosi, con lievi difficoltà tecniche (percorsi attrezzati, vie ferrate fra quelle di minore impegno). Rimangono invece esclusi i percorsi su ghiacciai, anche se pianeggianti e/o all’apparenza senza crepacci (perchè il loro attraversamento richiederebbe l’uso della corda e della picozza, nonchè la conoscenza delle relative manovre di assicurazione).
Necessitano di esperienza di montagna in generale e buona conoscenza dell’ambiente alpino, passo sicuro e assenza di vertigini; equipaggiamento, attrezzatura e preparazione fisica adeguate. Per i percorsi attrezzati è inoltre necessario conoscere l’uso dei dispositivi di autoassicurazone (moschettoni, dissipatore, imbragatura, cordini). Normalmente il dislivello è superiore ai 1000m.

EEA = per escursionisti esperti, con attrezzature.
Questa sigla si utilizza per certi percorsi attrezzati o vie ferrate, al fine di preavvertire l’escursionista che l’itinerario richiede l’uso dei dispositivi di autoassicurazione.

I gradi E, EE, EEA, possono avere una ulteriore suddivisione in inferiore (-) o superiore (+).

Museo virtuale delle imprese longeve di Varese

Poretti, Lisanza, Grafiche Reggiori, Lindt e Sprungli, Mascioni, Rossi d’Angera…sono alcuni dei marchi varesini noti a livello internazionale. Dietro questi nomi si nascondono imprenditori locali che, generazione dopo generazione, hanno contribuito a fare conoscere il made in Italy in tutto il mondo. Cosa accomuna questi personaggi? Al di là del merito individuale e alla specificità delle  idee, c’è una costante nella storia di queste imprese: quella di avere sempre avuto una gestione famigliare. Per saperne di più, è a disposizione un intero sito ben strutturato e documentato della della Camera di Commercio di Varese che si chiama Museo Web dell’Economia Varesina e che tratta sia delle origini che delle vicende più recenti delle realtà imprenditoriali più “vitali” sul territorio: http://www.museoweb.it/

 

Le placide acque del Lago di Comabbio

Grazie al divieto di utilizzare barche si sta rinforzando un ecosistema acquatico molto vario, entro il quale a Mercallo si inserisce, in perfetta armonia con la natura, una biopiscina.

Continua la lettura di Le placide acque del Lago di Comabbio

Eremo di Santa Caterina del Sasso a Leggiuno, vera magia sul lago

L’Eremo è, a ragione, uno dei posti più visitati e ammirati del Lago Maggiore. Qui trovi una breve storia del complesso monastico corredata da video e foto.

Continua la lettura di Eremo di Santa Caterina del Sasso a Leggiuno, vera magia sul lago

Passeggiata sul lungolago di Luino, sulle orme di Piero Chiara

La passeggiata sul lungolago di Luino si estende per circa un chilometro e mezzo partendo dal porto nuovo, costeggiando viale Dante e terminando alla spiaggia delle Serenelle.

Continua la lettura di Passeggiata sul lungolago di Luino, sulle orme di Piero Chiara