Dei colorati arcobaleni nella pittura di Bernardino Luini

Oggi vogliamo parlare di Bernardino Luini, un pittore rinascimentale che nasce a Dumenza nel 1481 e muore a Milano nel 1532, affine stilisticamente a Leonardo da Vinci per la resa dei dettagli naturalistici e l’attenzione verso la psicologia dei personaggi.

Bernardino Luini fu soprattutto eccellente nell’affresco, e le chiese di Milano sono ricche delle sue pitture murali; il colorito vi è assai soave e ricco; egli prediligeva le tinte delicate, quali il grigio, il rosa, il verde ed il color violetto; amava pure unire in modo armonioso il celeste col verde (come Correggio il celeste col rosa) e dava molta importanza ai suoi colori. (Evelyn Franceschi Marini)

Luini è stato giustamente definito come il “Raffaello lombardo” da Giovanni Morelli, per l’importanza che ebbe il pittore nell’elaborare una serie di modelli vincenti e apprezzati dalla committenza sia religiosa sia laica. Le Madonne del Luini sono una più bella dell’altra ed incarnano un’idea della femminilità che riesce ad affascinare anche lo spettatore di oggi, perché ricche di umanità e di amore materno ma nello stesso tempo equilibrate nei gesti, nelle espressioni e nelle gamme cromatiche.

Adorazione dei Re Magi di Bernardino Luini – particolare – Santuario di Saronno

Anche negli affreschi su larga scala riesce a tramutare qualsiasi storia sacra in una vera e propria fiaba, dove anche le tinte più drammatiche vengono smorzate da un’atmosfera sempre al limite con la dimensione della fantasia e dove dunque tutto può succedere, senza aver paura.

I lavori del nostro pittore, che aveva fondato una bottega in cui lavoravano anche i figli Aurelio, Evangelista e Giovan Pietro, sono visibili in diverse chiese e musei della nostra zona, in special modo tra Varese, Lugano e Milano.

Lo spettatore appassionato d’arte può dunque recarsi in chiesa, sedersi e ammirare da vicino diverse opere che l’artista aveva appositamente progettato e realizzato specificamente per una determinata sede, lasciandosi incantare dai colori e dalle forme delle composizioni.

La tavolozza del Luini è ampia e generosa come gli arcobaleni che spuntano nelle valli del Varesotto dopo un generoso acquazzone primaverile, sui prati e sui laghi che brillano di luce.

►Opere di Bernardino Luini al Santuario di Saronno
►Opere di Bernardino Luini alla Chiesa di San Giorgio a Palazzo di Milano

 

IL RINASCIMENTO NELLE TERRE TICINESI
Questo libro, realizzato in una mostra sul Rinascimento in terra ticinese, comprende oltre la riproduzione e la storia di diverse opere del Nostro Luini, anche una serie di itinerari dove poter ammirare di persona i dipinti e gli affreschi di epoca rinascimentale.  In vendita su Amazon, clicca qui.