Festa di San Michele a Porto Valtravaglia, domenica 2 settembre

Domenica 2 settembre ritorna la tradizionale festa di San Michele, all’alpe omonima. La celebrazione è organizzata come ogni anno dalla Parrocchia di Domo con il suo gruppo di collaboratori.

Causa la chiusura delle strade di accesso all’alpe, quest’anno non sarà possibile allestire la consueta gastronomia sul prato, ma si è cercato ugualmente di mantenere viva la tradizione.
Alle ore 16 sarà celebrata la s. Messa in onore dell’arcangelo Michele cui seguirà l’incanto delle offerte in natura: salami e formaggi nostrani, burro d’una volta, dolci e torte, e – se la stagione lo permette – anche qualche bel fungo raccolto proprio nei dintorni dell’alpe. Subito dopo sarà offerta una merenda rustica per tutti.
L’invito a partecipare è rivolto a tutti, ma specialmente alle famiglie, che potranno trascorrere una bella giornata all’aria aperta. Non solo, sarà una buona occasione per visitare la chiesetta restaurata e ammirare gli affreschi ritrovati e accuratamente restaurati.

San Michele all’Alpe

Fra questi la Madonna che allatta il Bambino, fra i santi Antonio abate e Bernardo, che porta la firma di Guglielmo da Montegrino e la data (sul campanellino di sant’Antonio) 1517. Interessante anche l’affresco che rappresenta tre angeli, fra i quali Michele, e un offerente, tale Dominucus Cusstos, con sottostante un velario sul quale appare una chimera o una sirena fra arbusti. Da gustare sono gli altri affreschi, ancora l’arcangelo Michele, sant’Ambrogio, Abramo e Isacco, e l’apostolo Giacomo nel catino absidale.
Non perdete l’occasione di visitare la millenaria chiesetta alpestre e i suoi segreti.

(Fc)