Henri Cartier-Bresson: Cina 1948-1949 / 1958 (al Mudec di MI fino al 3/7/2022)

Mudec presenta
HENRI CARTIER-BRESSON Cina 1948-49 | 1958

Spazio Mudec Photo, dal 18 febbraio al 3 luglio 2022
►Biglietti su Ticketone

Oltre cento stampe originali e una raccolta di documenti e materiali d’archivio raccontano lo storico reportage del grande fotografo francese sugli “ultimi giorni di Pechino” prima dell’arrivo delle truppe di Mao.

a cura di
Michel Frizot, Ying-Lung Su
in collaborazione con
Fondation Henri Cartier-Bresson
«Occhio del secolo»: così viene definito Henri Cartier-Bresson (1908-2004), uno dei più importanti protagonisti culturali del ‘900, considerato il pioniere del fotogiornalismo.
Dal 18 febbraio arriva in Italia per la prima volta una sua mostra personale legata a due reportage cinesi per i quali egli è ricordato come maestro assoluto del cosiddetto «Istante decisivo» in fotografia.

Un excursus senza precedenti che racconta due momenti-chiave nella storia della Cina: la caduta del Kuomintang (1948-1949) e il “Grande balzo in avanti” di Mao Zedong (1958).

Un momento importante nella storia del fotogiornalismo mondiale, vissuto attraverso il personale approccio del maestro Cartier-Bresson, il quale per primo evidenzia – attraverso l’occhio del suo obiettivo – temi importanti del cambiamento nella storia contemporanea

Nella Città Proibita, diecimila reclute si allineano a formare un nuovo esercito nazionalista.
Pechino, dicembre 1948
Gelatin silver print, 1970s
© Fondation Henri Cartier-Bresson / Magnum Photos
Alla fine della giornata, la gente in coda spera ancora di poter acquistare oro.
Shanghai, 23 dicembre 1948
Gelatin silver print, 1970s
© Fondation Henri Cartier-Bresson / Magnum Photos

 

INFO UTILI:
MUDEC Via Tortona 56, tel. 02/54917 (lun-ven 10.00-17.00)
DATE 18/02 – 03/07/2022
ORARI Lun 14.30 ‐19.30 | Mar, Mer, Ven, Dom 09.30 ‐ 19.30 | Gio, Sab 9.30‐22.30
Il servizio di biglietteria termina un’ora prima della chiusura