Mangia, Bevi e Bici, l’abbinamento perfetto domenica 8/7…prenotatevi per tempo!

Mangia Bevi e Bici è l’appuntamento annuale organizzato dalla Libereria e dalla Bottega del Romeo in collaborazione con diversi enti territoriali per abbinare lo sport alla cultura e alla gastronomia. L’ottava edizione è fissata per domenica 8 luglio, è consigliata la prenotazione

mangia-bevi-e-bici

Mangia, Bevi e Bici 2018, ottava edizione tante novità

Mangia, Bevi e Bici 2018: ci siamo! L’ottava edizione della pedalata enogastronomica e culturale del Lago Maggiore è ormai pronta: percorsi, tappe, soste, menù attendono centinaia di cicloturisti per la prima volta nella data estiva dell’8 luglio, con partenza e arrivo da Ispra. Mangia Bevi e Bici non è soltanto un evento cicloturistico di un giorno, ma è un invito a scoprire il territorio varesino e i laghi in sella alla propria bicicletta. L’enogastronomia sposa la cultura, grazie alla bici.

Edizione esitiva, per questa Mangia Bevi e Bici, con percorsi inediti e tante novità, come ogni anno. Mangia Bevi e Bici 2018 è organizzata dalla Libereria e dalla Bottega del Romeo, in collaborazione con tante realtà del territorio, imprenditori, produttori e associazioni. Quest’anno l’evento potrà contare sulla collaborazione della Pro Loco Ispra, degli Amici della Sponda Magra, dell’Asd Contini Monvalle, dall’associazione Lezedunum, del Comitato cascine di Ispra e di molti altri soggetti che si stanno aggiungendo allo staff organizzativo. Anche quest’anno, inoltre, Mangia Bevi e Bici può contare sull’appoggio della Varese Sport Commission, che accanto a noi si impegna per la promozione del territorio in chiave cicloturistica.

Due i percorsi, quest’anno: uno di 40 km e uno di 20. Sul percorso lungo, rispetto agli anni passati, si è ridotto il chilometraggio a fronte di qualche piccola difficoltà in più. Rimane, comunque, invariato lo spirito che è quello del cicloturismo lento: Mangia Bevi e Bici sarà una giornata ricca di emozioni che consentirà ai partecipanti di meglio apprezzare il nostro territorio, i suoi monumenti sconosciuto (o quasi) e le sue specialità gastronomiche.

Tra i monumenti da scoprire, Mangia Bevi e Bici farà aprire per l’occasione il Mulino di Turro, sapientemente restaurato, l’antico oratorio di Sant’Agostino di Caravate con i recentissimi scavi archeologici ancora in corso, l’oratorio di Santa Maria in Corte, a Mombello, con i suoi splendidi dipinti, la torbiera di Mombello, la chiesetta dei Santi Primo e Feliciano a Leggiuno e tantissime aree verdi incontaminate e suggestive.

Non mancherà, anche quest’anno, il gemellaggio con il Jrc di Ispra, in particolare con l’Austria: si festeggia il semestre austriaco con una tappa specifica, a Leggiuno.

Tutti possono partecipare a Mangia Bevi e Bici, che si svolgerà su strade poco trafficate e strade sterrate: non sono adatte le biciclette da corsa, meglio le bici da trekking, da cicloturismo e le mountainbike. Non è una competizione, anche se c’è pur sempre una tabella di marcia da rispettare, per poter usufruire delle tappe gastronomiche: tabella di marcia accessibile a tutti, anche ai meno allenati. I bambini sono sempre i benvenuti a Mangia Bevi e Bici, ma si consiglia di non iscrivere bimbi senza un minimo di allenamento e al di sotto degli 8 anni. Il percorso breve, di 20 chilometri, è facile, ma presuppone un minimo di abitudine a pedalare su percorsi misti e saliscendi.

Il Mulino di Turro, nel comune di Monvalle, sapientemente restaurato, è una vera chicca, che i partecipanti di Mangia Bevi e Bici potranno ammirare con la piccola stamperia insediata recentemente, un laboratorio che ripropone un’antica arte in un contesto naturale molto suggestivo.
La chiesetta di Sant’Agostino a Caravate è un vero tesoro medioevale, con i suoi affreschi antichissimi e, soprattutto, con il recente cantiere archeologico aperto dagli studiosi dell’Università dell’Insubria, che, per l’occasione, offriranno la loro collaborazione a Mangia, Bevi e Bici. Questa visita, offrirà un tuffo nella storia. Nel mese di maggio, infatti, sono ripresi i lavori di scavo nella necropoli della chiesetta di Sant’Agostino in Caravate. L’area cimiteriale, datata tra l’VIII e il IX secolo, era stata già oggetto di indagine nel 2002. Sul sito archeologico un’equipe di antropologi dell’Università degli Studi dell’Insubria ha allestito un laboratorio per lo studio dei resti umani recuperati nelle sepolture dell’area cimiteriale. L’analisi antropologica dei resti ha evidenziato indizi interessanti: su diversi scheletri sono state riscontrate lesioni a livello cranico, non mortali che suggeriscono episodi di violenza all’interno della piccola comunità di Sant’Agostino.
Un altro gioiello che apre i battenti per i partecipanti di Mangia, Bevi e Bici sarà la piccola chiesa di Santa Maria in Corte a Laveno Mombello, con i suoi meravigliosi affreschi.
A Leggiuno, l’antichissima chiesa di San Primo e Feliciano offrirà un ulteriore refrigerio e una sosta culturale ai cicloturisti.
Accanto all’arte, non mancheranno i tesori naturalistici: il percorso 2018 di Mangia Bevi e Bici porterà i cicloturisti ad attraversare aree verdi molto suggestive, nel parco della Quassa, nell’area della Bozza di Brebbia e presso la Torbiera di Mombello.

Per iscrizioni e informazioni, contattare la Bottega del Romeo, a Ispra, in piazza San Martino, allo 0332/780285, oppure al 348/8516760, lalibereria@bottegadelromeo.com.

La LibEreria nella Bottega del Romeo
piazza san Martino 63
21027 Ispra (VA)
tel 0332 780285
cell. 348 8516760

lalibereria@bottegadelromeo.com
www.bottegadelromeo.com  

Facebook: La LibEreria nella Bottega del Romeo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.