Mostra Antonello: 5 ragioni per non perdersela per nulla al mondo (fino al 2 giugno)

Una mostra eccezionale che permette di vedere più della metà delle opere tradizionalmente riconosciute al grande Maestro siciliano Antonello da Messina, a cui si attribuisce il merito di avere appreso le tecniche dell’arte fiamminga rivedendole in una chiave assolutamente personale ed emozionante.  La mostra è aperta dal 21 febbraio e fino al 2 giugno 2019 al Palazzo Reale di Milano.  Ecco le cinque ragioni principali per visitare la mostra

Fonte:  http://www.mostraantonello.it/

1) Antonello da Messina è il più grande ritrattista del Quattrocento italiano

Considerato il più grande ritrattista del Quattrocento italiano, c’è chi  va oltre e lo considera uno dei più grandi maestri della pittura italiana, per la sua grande capacità di unire la cura del dettaglio alla visione complessiva della persona ritratta, in termini sia psicologici che fisici che umani  ed emotivi.  Andando oltre il ritratto “di rappresentanza” che ogni persona di rango, a quell’epoca, doveva farsi fare, il pittore riesce a realizzare veri e propri quadri dell’anima.

2) I lavori attribuiti con certezza ad Antonello da Messina sono solo 35: in mostra ce ne sono ben 19 provenienti da musei di tutto il mondo

I dipinti sono stati radunati in occasione della mostra, dopo di che ritorneranno nelle loro sedi di origine, che sono principalmente la National Gallery di Londra,  il Museo nazionale Brukenthal di Sibiu in Romania,  Philadelphia Museum of Art,  la National Gallery di Washington,  il Museo statale di Berlino, Uffizi di Firenze,  Museo di Cefalù,  Palazzo Abbatellisi di Palermo, ecc.

3)  L’Annunciata di Palermo e il Ritratto di ignoto: solo per aver visto questi due capolavori, la visita risulterà un’esperienza unica

Fate attenzione a come il pittore è riuscito a rendere  i personaggi indimenticabili nella loro dimensione a-temporale ed enigmatica, a come cerchino il contatto visivo con lo spettatore, a come riescano a esprimersi senza l’uso delle parole.

Il ritratto di Antonello da Messina è già iconico e campeggia anche sulle cover dei cellulari – in vendita su amazon

4)  Descrivere una persona attraverso gli oggetti: Antonello da Messina riuscì anche a fare questo, meglio degli altri

Guardate i dettagli presenti nel minuscolo dipinto di San Girolamo nello studio,  proveniente dalla National Gallery di Londra, e vi renderete conto del valore dei simboli, in tutta la produzione.

Lais Puzzle Antonello da Messina – San Girolamo in Custodia, Particolare 1000 Pezzi –  su amazon https://amzn.to/2NPwIma

5) L’ audio guida compresa nel biglietto  vi aiuta a conoscere meglio e ad apprezzare al massimo il pittore

Se non si ha tempo di prenotare una visita  con una guida professionista (che è sempre la soluzione migliore), ci sono a disposizione le audio guide comprese nel prezzo della visita (il biglietto intero costa 14 €)

La durata media della visita è stata stabilita in 80 minuti, ma chi vuole può fermarsi anche di più, essendoci a disposizione delle panche per sedersi e godersi la mostra nel tempo che più si ritiene opportuno.

Per arrivare preparati all’appuntamento si può cominciare a leggere il catalogo della mostra edito da Skira, già disponibile su Amazon., che reca in copertina il volto intenso della Madonna Annunciata di Palermo

La mostra di Milano permette di vedere direttamente quelli che sono i suoi capolavori più noti: