Premio ecologia Salvatore Furia (date fino al 24/11/19)

Quest’anno,  il premio “Ecologia Città di Varese” si trasforma in  un vero e proprio festival con rassegne, mostre e incontri sul tema sempre più attuale dell’ecologia e dell’attenzione all’ambiente.  Partecipano non solo enti scientifici, ma anche associazioni onlus e scuole.  Ecco il programma delle attività del 2019. 

Sito ufficiale:  https://www.comune.varese.it/

ll premio “Ecologia Città di Varese”, dal 2017 è intitolato al professor Salvatore Furia , a colui che più di tutti si è distinto per meriti in ambito naturalistico ed in particolare nella diffusione e comunicazione di contenuti scientifici al “grande pubblico”.
Vista l’importanza che deve essere data oggigiorno ai temi dell’ecologia e del paesaggio, il Premio Salvatore Furia è occasione imperdibile per onorare la memoria del “professore” e al contempo invitare a Varese personalità di levatura internazionale che si sono distinte per il loro contributo al tema dell’ambiente.

PROGRAMMA DISPONIBILE IN PDF A QUESTO LINK

Da quest’anno, alla serata di premiazione si affiancano diverse inziative di sensibilizzazione, con il contributo di:
JRC Ispra
ARPA Lombardia
Università dell’Insubria
Ente Parco Campo dei Fiori
Comune di Masciago Primo

PROGRAMMA 2019

martedì 19 novembre
Premio Ecologia Città di Varese “Salvatore Furia” | Edizione 2019
Laboratori per gli alunni delle scuole primarie
ore 10.30
Biblioteca dei Ragazzi “Gianni Rodari”
Via Ernesto Cairoli, 16
L’ecologia e la natura saranno il fulcro di un percorso dedicato alle classi quarte e quinte della scuola primaria, che si snoderà tra letture e laboratori, lasciando ad ogni piccolo umano la consapevolezza delle meraviglie che ci circondano
Informazioni e prenotazioni: Biblioteca dei Ragazzi | 0332.255050 | biblioteca.ragazzi@comune.varese.it

mercoledì 20 novembre
Premio Ecologia Città di Varese “Salvatore Furia” | Edizione 2019
Quando la scienza unisce… Il lascito culturale di Salvatore Furia
dalle ore 9.00
Aula Magna dell’Università degli Studi dell’Insubria
Via Ravasi, 2

L’aggregazione giovanile (ma non solo) che vede come fattori coalizzanti le tematiche scientifiche e ambientali, costituisce di per sé una peculiarità, tra le tante che Salvatore Furia, catanese di origine e varesino di adozione, ha promosso nel corso della sua attività. Il Convegno, che vede la partecipazione di ricercatori esperti e di parte di quei ragazzi che intrapresero con Furia, molti anni fa, quel cammino carico di “novità”, vuole essere non tanto una celebrazione dell’uomo, quanto una testimonianza del suo lascito culturale. Esso affronta infatti tematiche storiche e scientifiche, a suo tempo affrontate da Furia e dai suoi ragazzi, che nel corso di questi anni hanno visto a volte profonde modifiche. Uno spaccato della storia di Varese con una propositiva proiezione nel futuro.

Programma
9.00 – Saluti di benvenuto
Magnifico Rettore: Angelo Tagliabue | Direttore DiSTA: Mauro Ferrari | Presidente Soc. Astr. Schiaparelli: Vanni Belli | Sindaco di Varese: Davide Galimberti | Vicesindaco di Varese: Daniele Zanzi | Presidente della Provincia: Emanuele Antonelli
9.30 – Gianni Spartà Giornalista e scrittore
Salvatore Furia, ispiratore di pensieri “pro-positivi”
10.00 – Antonio Orecchia Università degli Studi dell’Insubria
I temi ambientali tra politica e società civile
10.20 – Luca Molinari Università degli Studi di Milano
Dalla Cittadella delle Scienze alla fisica teorica: un percorso nel nome della scienza
10.40 – Paolo Valisa Responsabile previsioni meteo Centro Geofisico Prealpino
Le previsioni del tempo, il meteo come veicolo culturale
11.00 – Damiano Preatoni Università degli Studi dell’Insubria
Percorsi di scienza in sinergia: dai big data all’open access, la valenza della multidisciplinarietà
11.20 – Vincenzo Maffei ARPA Lombardia
Il Lago di Varese: dalla fontana di Piazza Montegrappa ai più recenti studi idrologici
11.40 – Bruno Cerabolini Università degli Studi dell’Insubria
Dalla botanica all’ecologia: gli habitat e i paesaggi vegetali come fulcro della conservazione ambientale
12.00 – Domande dal pubblico
Moderatori Adriano Martinoli e Katia Visconti

Premio Ecologia Città di Varese “Salvatore Furia” | Edizione 2019
Laboratori per gli alunni delle scuole primarie
ore 10.30
Biblioteca dei Ragazzi “Gianni Rodari”
Via Ernesto Cairoli, 16
L’ecologia e la natura saranno il fulcro di un percorso dedicato alle classi quarte e quinte della scuola primaria, che si snoderà tra letture e laboratori, lasciando ad ogni piccolo umano la consapevolezza delle meraviglie che ci circondano
Informazioni e prenotazioni: Biblioteca dei Ragazzi | 0332.255050 | biblioteca.ragazzi@comune.varese.it

giovedì 21 novembre

Premio Ecologia Città di Varese “Salvatore Furia” | Edizione 2019
ore 10.30
Salone Estense
Per un pugno di ghiande
presentazione del libro a cura dell’autore Piero Genovesi (Papik) per le scolaresche
Informazioni e prenotazioni: Biblioteca dei Ragazzi | 0332.255050

ore 12.00
Giardini Estensi
Via Sacco, 5
Cerimonia di messa a dimora di un’essenza rara in onore di Salvatore Settis
Il 21 novembre,si celebra in tutta Italia la Giornata Nazionale degli alberi. Questa ricorrenza è stata istituita ed ufficializzata, con Legge nazionale, nel 2013, riprendendo una bella e consolidata tradizione con un passato ultracentenario, al fine di perseguire, attraverso la valorizzazione dell’ambiente e del patrimonio arboreo e boschivo, l’attuazione del protocollo di Kyoto e richiamare l’attenzione dei cittadini sulla funzione degli alberi per l’ambiente, il territorio, il paesaggio e la vivibilità delle nostre città. Per l’occasione il Comune di Varese si fa partecipe della messa a dimora, con la dovuta tecnica ed attenzione, di numerosi alberi, specie negli ambiti scolastici. La cerimonia simbolo di questa giornata dedicata agli alberi nella Città Giardino non poteva che coincidere con la piantagione di un albero raro e inusuale in un parco varesino pubblico per onorare il vincitore del Premio ecologia Città di Varese “Salvatore Furia”.

Premio Ecologia Città di Varese “Salvatore Furia” | Edizione 2019
ore 21.00
Salone Estense
Cerimonia di premiazione “Premio ecologia città di Varese – Salvatore Furia” e “Premio Pavan”

Programma
Saluti
Daniele Zanzi, Vicesindaco Comune di Varese
Elena Brusa Pasqué, Presidente Ordine Architetti Provincia di Varese
Interviene
Salvatore Settis
vincitore Premio Ecologia Salvatore Furia 2019
Lectio magistralis “Costituzione, cultura, tutela: il paesaggio, i beni culturali, l’ambiente”.
Introduce Luca Rinaldi, Soprintendente Architettura, Belle Arti e paesaggio per le province di Como, Lecco, Monza e Brianza, Pavia, Sondrio e Varese.
Premio Mario Pavan
Federica Marando, vincitrice edizione 2019
ll premio “Ecologia Città di Varese”, intitolato dal 2017 alla memoria di Salvatore Furia per manifesta volontà della Giunta comunale, è un riconoscimento conferito dall’Amministrazione ad una personalità che si sia distinta per meriti in ambito naturalistico ed in particolare nella diffusione e comunicazione di contenuti scientifici al “grande pubblico”.
Voluto con questo intento nel lontano 1973 da Salvatore Furia, sino al 1992 il premio è stato conferito a personalità ed enti del mondo scientifico e accademico, di fatto, è uno dei primi riconoscimenti di calibro internazionale a tema ambiente e ecologia e ha anticipato di molto i tempi in cui tali tematiche sono divenute di importanza strategica per la comunità scientifica.
L’appuntamento centrale della rassegna di quest’anno è sicuramente quello della premiazione. Il Comitato scientifico ha designato quale vincitore per l’anno 2019 Salvatore Settis che terrà una lectio magistralis dal titolo “Costituzione, cultura, tutela: il paesaggio, i beni culturali, l’ambiente”.
Salvatore Settis ha diretto a Los Angeles il Getty Research Institute (1994-99) e a Pisa la Scuola Normale Superiore (1999-2010). È stato presidente del Consiglio Superiore dei Beni Culturali (2007-2009) e tra i founding members di European Research Council (2005-2011). Visiting Professor in varie università europee ed americane, è stato Warburg Professor all’Università di Amburgo, ha tenuto a Oxford le Isaiah Berlin Lectures e alla National Gallery di Washington le Mellon Lectures, ha avuto la Cátedra del Museo del Prado a Madrid e poi la Cattedra Borromini nella Università della Svizzera Italiana (Lugano-Mendrisio) ed è Distinguished Fellow dell’International Observatory for Cultural Heritage, Columbia University.
Dal 2010 è presidente del Consiglio Scientifico del Louvre.
È membro dell’Accademia dei Lincei, dell’Accademia delle Scienze di Torino, dell’Istituto Veneto, dell’American Philosophical Society di Philadelphia, dell’American Academy of Arts and Sciences, dell’Accademia Nazionale di San Luca, dell’Accademia delle Arti del Disegno e delle Accademie di Francia, di Berlino, di Baviera e del Belgio.

Oltre al premio alla carriera, dall’anno scorso l’Amministrazione di Varese ha deciso di conferire un premio ad un dottorando in discipline scientifiche fortemente connesse al tema dell’ambiente, il premio “Mario Pavan”, intitolato al celebre entomologo.
Iniziativa in partenariato con la Società Astronomica G.V. Schiaparelli e l’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Varese e con il patrocinio di European Commission Joint Research Centre Ispra, Parco Regionale Campo dei Fiori, ARPA Lombardia, Università degli Studi dell’Insubria, Comune di Masciago Primo.

22 novembre 2019

Premio Ecologia Città di Varese “Salvatore Furia” | Edizione 2019
I COLORI DEL CIELO | Fenomeni ottici dell’atmosfera
ore 21.00
Salone Estense del Comune di Varese
Via Sacco, 5
Conferenza a cura del Dott. Paolo Valisa, fisico e meteorologo, direttore del Centro Geofisico Prealpino di Varese
Il cielo spesso ci sorprende con i suoi mutevoli colori: dall’azzurro splendente dei giorni tersi e ventosi, ai rossi, gialli e arancioni dei tramonti immersi nelle foschie. Ma tanti altri sono i fenomeni legati ai colori ed alla luce che si possono osservare: aloni e corone, per esempio, o ancora i rari “greenflash” e raggi antisolari. Durante questa serata avremo modo di immergerci in tutte le sfumature che il cielo ci regala, partendo dai primissimi studi sulla luce ed i colori effettuati da Aristotele, poi nel Medioevo latino ed arabo, e ancora durante la rivoluzione scientifica del XVII secolo, fino ad arrivare ai giorni nostri, con i concetti di ottica geometrica ed ondulatoria e l’origine dei colori, che permettono di spiegare un ampio spettro di fenomeni.

Premio Ecologia Città di Varese “Salvatore Furia” | Edizione 2019
A QUALCUNO PIACE CALDO – INCONTRO SPETTACOLO SUL CLIMA CHE CAMBIA

ore 21.00
Teatro “Gianni Santuccio”
Via Sacco, 10

Di Stefano Caserini e Francesca Cella con la partecipazione di Erminio Cella  

Un racconto scientifico, con immagini, animazioni e frammenti di film, l’analisi di come individualmente e collettivamente stiamo affrontando o potremmo affrontare la questione climatica. L’esecuzione al pianoforte di brani di Billy Wilder e altri standard jazz, da Duke Ellington a Bill Evans a Michel Petrucciani, accompagnano l’andamento delle concentrazioni di gas serra e delle temperature della Terra. Sono lo sfondo per capire quanto scottante è la questione climatica, permettono di avvicinarsi meglio alla sua grande dimensione etica.

Interpreti

Stefano Caserini: titolare del corso di Mitigazione dei Cambiamenti Climatici al Politecnico di Milano, svolge attività di ricerca e consulenza nel settore dell’inquinamento dell’aria e dei cambiamenti climatici; è autore di numerose pubblicazioni scientifiche e divulgative fra cui i libri “A qualcuno piace caldo”, “Guida alle leggende sul clima che cambia”, “Aria pulita” e “Il clima è (già) cambiato. Dieci buone notizie sul cambiamento climatico”. 

Erminio Cella: pianista jazz, tastierista, arrangiatore, compositore, è docente di pianoforte jazz, armonia e computer-music in diverse scuole di musica. Ha collaborato con tanti musicisti italiani e ha inciso il CD “Spike”. Ha partecipato come pianista e responsabile musicale a diversi spettacoli teatrali fra cui “Novecento” e “Moby Dick”.

Ingresso libero

domenica 24 novembre

 

Premio Ecologia Città di Varese “Salvatore Furia” | Edizione 2019

Escursione didattico naturalistica sul Sentiero Naturalistico “Salvatore Furia”
ore 10.00
ritrovo presso Centro Civico comunale di Masciago Primo

Il Percorso naturalistico, realizzato dal Comune di Masciago Primo e dal Parco Regionale Campo dei Fiori e dedicato a Salvatore Furia, è un itinerario con valenza didattico-naturalistica ubicato nel territorio del Comune di Masciago Primo (VA). L’itinerario si sviluppa nell’area geografica delle Prealpi Varesine, sul versante orientale della Valcuvia, nel Comune di Masciago Primo e all’interno del Parco del Campo dei Fiori. Il percorso si snoda tra boschi cedui alternati a radure prative, attraversati da numerosi corsi d’acqua tributari del Torrente Rancina prima e del Fiume Margorabbia poi. Il percorso tocca in parte la Strada Militare dello sbarramento della Valcuvia della Prima Guerra mondiale, con la presenza di numerosi manufatti bellici realizzati in trincea o in galleria. Oltre a questi due aspetti, lungo il percorso si incontrano due siti di particolare rilevanza ambientale, costituiti dalle Sorgenti pietrificanti di Località Pissarota, dal Masso erratico del “Sass della Rossera”.

Programma 

ore 10.00 Accoglienza dei partecipanti con introduzione all’escursione G. Barra, Presidente Parco Regionale Campo dei Fiori; F. Parini, Sindaco di Masciago Primo; D. Zanzi, Vicesindaco Comune di Varese promotore Premio Ecologia Città di Varese

ore 10.30 Inizio escursione Accompagnatori: GEV, Parco regionale Campo dei Fiori; V. Maffei, geologo ideatore del Sentiero Naturalistico S. Furia; M. Pistocchini, forestale del Parco Campo dei Fiori; G. Bernasconi, direttore Parco Campo dei Fiori; A. Martinoli, zoologo e professore associato Università dell’Insubria

ore 12.30 Fine escursione 

Arrivo in paese con possibilità di pranzo, previa prenotazione, presso ristorante “Le Ruote” di Masciago Primo. ll Percorso naturalistico dedicato a Salvatore Furia è un anello escursionistico di circa 5 Km con valenza didattico-naturalistica. Si sviluppa su sentieri sterrati di bassa difficoltà. Si consigliano pedule robuste e abbigliamento sportivo; per visitare le opere militari in galleria è necessaria una torcia.

Informazioni e prenotazioni:  Biblioteca dei Ragazzi | 0332.255050 

In collaborazione con il Parco Regionale del Campo dei Fiori e il Comune di Masciago Primo