16 dicembre, inaugurazione del presepe sommerso di Porto Ceresio

16 DICEMBRE: IL “PRESEPE SOMMERSO” DI PORTO CERESIO TORNA NEL LAGO DI LUGANO

Per l’ottavo anno consecutivo, il gruppo subacqueo GODiving si accinge a immergere il Presepe Sommerso di Porto Ceresio. L’ormai tradizionale appuntamento è sul lungolago al pomeriggio del 16 dicembre.

Lo staff e i volontari del gruppo stanno allestendo su due piastre d’acciaio la dozzina di statue che rappresentano la Natività. Attorno a loro ci saranno le stelline create dai bambini della Valceresio insieme con i disabili della Comunità il Sorriso di Cuasso.

Gesù Bambino arriverà da Busto Arsizio alle ore 16, portato in bicicletta da alcuni triathleti della Pro Patria ARC Busto, la polisportiva cui appartiene GODiving. La statua passerà quindi agli atleti di ASA Varese che la consegneranno ai sommozzatori. ASA offrirà anche una merenda e illustrerà le attività sportive che organizza a beneficio delle persone con disabilità intellettiva e relazionale.

Verso le 17, alla luce delle torce, i sub immergeranno la scultura nelle profondità del Lago di Lugano.

Per tutto il periodo natalizio, il presepe sarà facilmente visibile dal bellissimo lungolago pensile ceresino, di giorno e di notte, grazie a potenti fari subacquei. Questi ultimi di solito attirano nuvole di alborelle, aggiungendo fascino all’installazione e rammentando ai visitatori l’importanza di tutelare i laghi prealpini.

Le stelline e il presepe creeranno così un collegamento ideale tra la fragilità umana e quella dell’ambiente acquatico.

GODiving ringrazia per il supporto il Comune di Porto Ceresio, l’Autorità di Bacino, il bar O’Scià, il Gruppo Alpini Porto Ceresio, REM Srl, PICF ed Equity Factory Srl.

Photo Courtesy of Go Diving

GODiving (www.godiving.it) propone corsi di subacquea, snorkeling e apnea per bambini e adulti, immersioni guidate nei nostri laghi e al mare, come pure iniziative mirate ad aumentare la consapevolezza della fragilità dell’ecosistema delle acque dolci. Dal 2017 alcuni istruttori sono anche abilitati a formare e accompagnare subacquei disabili.