Il sentiero del Castagno nel Malcantone

Sapevate che dopo S. Martino, l’11 novembre, nel Malcantone le castagne le possiamo raccogliere tutti? Sì perchè se prima la raccolta è riservata ai proprietari delle piante, dopo è aperta a tutti e non ci sono problemi. Dunque, via libera alle passeggiate in tardo autunno alla ricerca di questo bel frutto nutriente e saporito.

Il castagno è un albero molto diffuso in Insubria anche perché in passato era una risorsa alimentare molto importante al punto da essere chiamato albero del pane: le castagne, una volta essiccate, durano tutto l’inverno e con esse si possono preparare piatti buonissimi della tradizione popolare.
Nell’Alto Mancantone, tra i villaggi di Arosio, Mugena, Vezio, Fescoggia e Breno, si snoda il sentiero del Castagno dove sono indicate selve, alberi e punti didattici grazie ai quali apprendere molte curiosità sulla pianta e sul suo utilizzo presso le famiglie contadine.
Il sentiero può essere percorso in tutte le stagioni e, pur durando in totale 4-5 ore, si può scegliere di partire da tappe intermedie per abbreviare il tragitto.

Curiosità
Il castagno è la pianta tipica del sud delle Alpi, tra i 200 e i 1000 m di quota.
Può arrivare a 25-30 m di altezza e vivere per oltre mille anni!
Le infiorescenze maschili sono più lunghe e di colore giallo, mentre quelle femminili sono più piccole: sono loro che si trasformeranno in frutti all’interno dei ricci.
La corteccia è liscia e verde in un albero giovane, rugosa e grigia in un esemplare più vecchio. Le radici si attaccano molto saldamente al terreno permettendo alla pianta di resistere bene alle avversità meteorologiche. Il legno di castagno è usato come combustibile ma anche come materiale da costruzione.
Il castagno ama i terreni fertili, umidi e piuttosto caldi, e più avanza negli anni e maggiore bisogno ha della luce del sole. Negli anni ’50 ha fatto la sua comparsa il cancro del castagno, un fungo che fa avvizzire le foglie, e la gente nel timore di vedere scomparire le piante, ha effettuato diversi rimboschimenti artificiali. Oggi, che si è visto che la pianta è riuscita a combattere la malattia diventando più forte, il castagno torna a fare comparsa sulle nostre colline in splendida forma.

Info
Sentiero del castagno
Arosio, Mugena, Vezio, Fescoggia e Breno
Tempo di percorrenza: 4 ore e mezzo (ma si può abbreviare il percorso)
Difficoltà: nessuna
Si consigliano scarpe da escursione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.