Archivi tag: arte romanica

Monastero di Torba e la leggenda delle monache volate via

Il Monastero di Torba, insieme a Castelseprio e ad altri posti come Cividale del Friuli e Benevento, fa parte del sito Unesco “”Italia Langobardorum: the Longobard in Italy, Places of the power (568-774 d.C)” perché raccoglie preziose testimonianze della civiltà longobarda.

Continua la lettura di Monastero di Torba e la leggenda delle monache volate via

La Chiesa del guerriero, San Michele a Voltorre di Gavirate

La Chiesa fa parte del complesso monastico di Voltorre, che comprende il  bel Chiostro romanico , ed è dedicata a San Michele, l’arcangelo molto venerato dai longobardi, considerato il primo difensore della fede: è spesso rappresentato come un guerriero con spada o lancia che sconfigge il demonio, sotto forma di un drago.

Continua la lettura di La Chiesa del guerriero, San Michele a Voltorre di Gavirate

Chiostro di Voltorre a Gavirate, orgoglio della provincia

Il Chiostro di Voltorre è un piccolo gioiello romanico situato a un paio di chilometri dal Lago di Varese attorno a cui si snoda una bella pista ciclabile. Il monumento è di proprietà della Provincia di Varese ed è visitabile gratuitamente: quale occasione migliore per abbinare una sana pedalata a una visita culturale? Il chiostro ospita spesso mostre d’arte e può essere una location ideale per matrimoni ed eventi.

Continua la lettura di Chiostro di Voltorre a Gavirate, orgoglio della provincia

Chiesa di Santo Stefano a Bizzozero, sacra “macchina del tempo”

Se è vero che ogni chiesa racconta una storia, ci sono chiese in grado di raccontarne parecchie, tra loro concatenate e interdipendenti. E’ il caso di Santo Stefano a Bizzozero, con affreschi che ripropongono gli stessi soggetti a distanza di secoli l’uno dall’altro.

Continua la lettura di Chiesa di Santo Stefano a Bizzozero, sacra “macchina del tempo”

Chiesa dei Ss. Pietro e Paolo a Brebbia, il romanico sopravvissuto grazie ad una bocciatura

Una delle chiese romaniche (sec. XII – metà sec. XIV) meglio conservate si trova nel centro storico di Brebbia ed è dedicata ai Santi Pietro e Paolo.

Continua la lettura di Chiesa dei Ss. Pietro e Paolo a Brebbia, il romanico sopravvissuto grazie ad una bocciatura

Chiesa di S. Abbondio a Como, suggestioni d’Oriente

L’esempio più antico, e più integro, di romanico comasco, è dato sicuramente dalla Chiesa di S. Abbondio, che presenta un impianto a basilica a cinque navate, una coppia di campanili di stampo nordeuropeo (spesso nelle chiese dei Benedettini si riscontra questo tipo di influenze), una copertura lignea al posto delle consuete volte a crociera, e dei bellissimi fregi decorativi che corrono lungo tutta la muratura esterna, di sapore orientaleggiante. Qui trovi la chiave di lettura per apprezzare al meglio la Chiesa di S. Abbondio. Buona lettura!

Continua la lettura di Chiesa di S. Abbondio a Como, suggestioni d’Oriente

Basilica di San Fedele a Como, l’eccellenza dei particolari

Malgrado i rifacimenti del ‘600 (interni) e ‘900 (facciata), la Basilica di San Fedele conserva alcuni particolari di innegabile fascino che sono riconducibili all’età romanica, tra l’XI e il XII secolo. Se hai pazienza, ti dico quali sono.

Continua la lettura di Basilica di San Fedele a Como, l’eccellenza dei particolari

Sesto Calende e la leggenda del Masso di Preja Buja

A poche centinaia di metri dall’Abbazia di San Donato, in una distesa pianeggiante dove un tempo sorgeva il porto antico di Sesto, chiamata Scozola, si trovano l’oratorio di San Vincenzo e il masso erratico di Preja Buja.

Continua la lettura di Sesto Calende e la leggenda del Masso di Preja Buja

Il romanico padano dell’Abbazia di San Donato a Sesto Calende

L’Abbazia di San Donato a Sesto Calende è una bell’esempio del romanico padano in terra insubre. L’Abbazia di San Donato a Sesto Calende è una bell’esempio del romanico padano in terra insubre.

Continua la lettura di Il romanico padano dell’Abbazia di San Donato a Sesto Calende