Archivi tag: romanico

Monastero di Torba e la leggenda delle monache volate via

Il Monastero di Torba, insieme a Castelseprio e ad altri posti come Cividale del Friuli e Benevento, fa parte del sito Unesco “”Italia Langobardorum: the Longobard in Italy, Places of the power (568-774 d.C)” perché raccoglie preziose testimonianze della civiltà longobarda.

Continua la lettura di Monastero di Torba e la leggenda delle monache volate via

3 febbraio è San Biagio, ecco il programma a Cittiglio

S. Biagio, protettore della gola, è il santo a cui la comunità di Cittiglio è particolarmente legata, dato che c’è una chiesa dedicata al santo, situata nell’omonima frazione. Qui trovi il programma delle iniziative organizzate nei giorni di sabato 3 febbraio e domenica 4 febbraio

Continua la lettura di 3 febbraio è San Biagio, ecco il programma a Cittiglio

Chiesa di Santo Stefano a Bizzozero, sacra “macchina del tempo”

Se è vero che ogni chiesa racconta una storia, ci sono chiese in grado di raccontarne parecchie, tra loro concatenate e interdipendenti. E’ il caso di Santo Stefano a Bizzozero, con affreschi che ripropongono gli stessi soggetti a distanza di secoli l’uno dall’altro.

Continua la lettura di Chiesa di Santo Stefano a Bizzozero, sacra “macchina del tempo”

Chiesa dei Ss. Pietro e Paolo a Brebbia, il romanico sopravvissuto grazie ad una bocciatura

Una delle chiese romaniche (sec. XII – metà sec. XIV) meglio conservate si trova nel centro storico di Brebbia ed è dedicata ai Santi Pietro e Paolo.

Continua la lettura di Chiesa dei Ss. Pietro e Paolo a Brebbia, il romanico sopravvissuto grazie ad una bocciatura

Chiesa di S. Abbondio a Como, suggestioni d’Oriente

L’esempio più antico, e più integro, di romanico comasco, è dato sicuramente dalla Chiesa di S. Abbondio, che presenta un impianto a basilica a cinque navate, una coppia di campanili di stampo nordeuropeo (spesso nelle chiese dei Benedettini si riscontra questo tipo di influenze), una copertura lignea al posto delle consuete volte a crociera, e dei bellissimi fregi decorativi che corrono lungo tutta la muratura esterna, di sapore orientaleggiante. Qui trovi la chiave di lettura per apprezzare al meglio la Chiesa di S. Abbondio. Buona lettura!

Continua la lettura di Chiesa di S. Abbondio a Como, suggestioni d’Oriente

Basilica di San Fedele a Como, l’eccellenza dei particolari

Malgrado i rifacimenti del ‘600 (interni) e ‘900 (facciata), la Basilica di San Fedele conserva alcuni particolari di innegabile fascino che sono riconducibili all’età romanica, tra l’XI e il XII secolo. Se hai pazienza, ti dico quali sono.

Continua la lettura di Basilica di San Fedele a Como, l’eccellenza dei particolari

Il romanico padano dell’Abbazia di San Donato a Sesto Calende

L’Abbazia di San Donato a Sesto Calende è una bell’esempio del romanico padano in terra insubre. L’Abbazia di San Donato a Sesto Calende è una bell’esempio del romanico padano in terra insubre.

Continua la lettura di Il romanico padano dell’Abbazia di San Donato a Sesto Calende

Domo Valtravaglia, il mistero delle chiese gemelle

Chi arriva nella piazza principale di Domo, anche in macchina, ha immediatamente la percezione di trovarsi in un posto singolare, perché si ritrova circondato da edifici di una solennità inusuale in un posto di campagna.

Continua la lettura di Domo Valtravaglia, il mistero delle chiese gemelle

Passeggiata da Moltrasio a Laglio

Una passeggiata di circa un’ora e mezza ammirando i bei panorami del Lago di Como può essere quella tra Moltrasio e Laglio. Il percorso è costituito da tratti pedonali paralleli alle strade percorse dalle automobili; la prima parte è un po’ difficoltosa perché in salita ma la seconda risulta più semplice e piacevole. Per il ritorno, se si è troppo affaticati, si può prendere un autobus.
Moltrasio è una piccola cittadina di un migliaio di abitanti scelta come luogo di villeggiatura da molte celebrità passate e presenti tra cui il compositore Vincenzo Bellini, il poeta Clemente Rebora, lo stilista Gianni Versace, Matthew Bellamy del gruppo inglese Muse e Javier Zanetti, il noto calciatore.
Famosa è anche la pietra grigia di Moltrasio, con cui sono costruite gran parte delle abitazioni del lago.
La passeggiata ha inizio dall’imbarcadero di Moltrasio, prosegue lungo una scalinata ripida fino a raggiungere la frazione alta del paese, Tosnacco. Da qui parte una strada indicata come “Panoramica per Urio e Carate” che conduce a Cavadino dove sorge lo splendido complesso romanico di Santa Marta con la colonna della peste (ricordate la peste dei Promessi Sposi? Manzoni parla proprio di questi posti, che furono flagellati da una spaventosa epidemia nel 1630). Da qui si raggiunge Carate e infine Laglio, altro grazioso borgo rivierasco da dove, prendendo il battello, si può arrivare in 40 minuti alla spiaggetta di Carate.

Passeggiata per i paesi / Comuni di Moltrasio e Laglio (CO)
Durata: circa 1 h e mezzo solo andata
Lunghezza: –
Dislivello in salita: 120 m
Costo: 0 €
Informazioni: scarica qui il depliant in pdf della Provincia di Como che riporta il percorso in dettaglio.