Finalmente gialli! In Lombardia riaprono bar e ristoranti dal 1 febbraio

Per evitare il rischio di contagio da Covid-19, non sai bene se un certo centro commerciale o negozio è aperto o chiuso? Ti sei perso nei labirinto delle concessioni e dei divieti delle leggi? Questa pagina è per te.

La Lombardia torna, da lunedì 1 febbraio, zona gialla, dunque vuol dire che:
– bar e ristoranti effettuano servizi al tavolo fino alle ore 18
– i negozi sono  aperti
– i centri commerciali sono aperti, rimangono chiusi (le attività non essenziali) il sabato e la domenica
– i musei e i centri espositivi riaprono, ma rimangono chiusi il sabato e la domenica (e molti anche il lunedì come da tradizione)

La riapertura dei musei sta avvenendo gradualmente, a Milano riaprono quasi tutti il 18 febbraio e non prima. In ogni caso si consiglia di telefonare prima di recarsi in un determinato posto, e di prenotare.  Nel Varesotto, già da mercoledì riaprono il Museo della Collegiata a Castiglione Olona e Villa Panza a Varese.

Zona gialla: Lombardia, Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria,  Provincia autonoma di Trento, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria.
Zona arancione: Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria e la Provincia Autonoma di Bolzano.

La differenza importante tra zona arancione e rossa, è che nella zona arancione  sono aperti tutti i negozi per la vendita al dettaglio (solo i centri commerciali rimangono chiusi nel weekend) , mentre nella zona rossa sono aperte solo le attività “necessarie” come  alimentari, farmacie, edicole, ferramenta, ecc.  Bar e ristoranti rimangono chiusi al pubblico in entrambi i casi e possono svolgere solo attività di delivery e take away. In entrambi i casi c’è il divieto di circolazione tra comuni, eccezion fatta per i residenti nei comuni con meno di 5mila abitanti che possono spostarsi entro un raggio di 30 km.

 Fonte: Governo

Attività commerciali

Qui c’è una grossa differenza tra zona rossa e zona arancione. Nella zona rossa sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità, le tabaccherie, le farmacie e le edicole. Sono
chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici.

Nella zona arancione invece le attività commerciali al dettaglio sono aperte, in tutti i giorni della settimana, e così anche i mercati con tutti i generi di mercanzia.

Spostamenti

Sia in zona rossa che in zona arancione, lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata è  consentito, nell’ambito del territorio comunale, una volta al giorno, tra le 5,00 e le 22,00, e nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori e ai non autosufficienti. Per i comuni con popolazione non superiore a cinquemila abitanti, gli spostamenti di cui al periodo precedente sono consentiti per una distanza non superiore a trenta chilometri dai relativi confini, con esclusione in ogni caso degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia.

Ristoranti e Bar

Sia in zona rossa che in zona arancione, sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie). Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio e, fino alle ore 22,00, la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. Per i bar l’asporto e’ consentito esclusivamente fino alle ore 18,00.

Tutte le attività (compresi musei, cinema, teatri, bancarelle diverse da quelle alimentari), anche se indicate nel nostro calendario, sono state cancellate a causa dell’emergenza COVID. C’è allo studio l’elaborazione di un'”area bianca” in cui sia possibile riaprire almeno i musei . 

 

RESTRIZIONI VARIE e COPRIFUOCO

Su tutto il territorio nazionale resta il divieto di spostarsi dalle ore 22 alle ore 5.
Saranno sempre consentiti (anche nelle ore notturne) gli spostamenti per esigenze lavorative, necessità o per motivi di salute. Nei casi di necessità rientra anche la possibilità di prestare assistenza a persone non autosufficienti.
In ogni caso, è sempre consentito il rientro nel Comune in cui si ha la residenza, il domicilio o in cui si abita con continuità o periodicità. Ciò permetterà, ad esempio, il ricongiungimento di coppie che sono lontane per motivi di lavoro ma che convivono con una certa frequenza nella medesima abitazione.
Gli impianti per sciatori amatoriali restano chiusi sia in zona rossa sia in zona arancione: per questo motivo, niente sci né in Lombardia né in Piemonte almeno fino al 14 febbraio 2021.

In caso di violazione dei  divieti di spostamento  si applica la consueta sanzione amministrativa da 400 a 1.000 euro. Chi non è d’accordo può fare ricorso al Prefetto del luogo dove la violazione è stata accertata.

Ristorazione

Nell’area rossa e arancione,  i ristoranti e le altre attività di ristorazione, compresi bar, pasticcerie e gelaterie, sono aperti esclusivamente per la vendita da asporto, consentita dalle 5 alle 22, e per la consegna a domicilio.

Nell’area gialla bar, ristoranti e pizzerie resteranno aperti (anche nei giorni festivi) con consumo al tavolo dalle ore 5 alle ore 18. Ogni tavolo potrà ospitare al massimo 4 persone se non tutte conviventi. Dopo le ore 18 è vietato consumare cibo e bevande nei locali o per strada. Dalle ore 18 alle ore 22 è consentito l’asporto, mentre la consegna a domicilio è sempre possibile.

Alberghi
I ristoranti degli alberghi sono aperti per i clienti che vi alloggiano, anche nelle zone arancioni e rosse (dunque, se per San Valentino avete in mente un weekend speciale con il vostro partner, pur all’interno del limite dei km consentiti, è possibile soggiornare in albergo).
Quindi è consentita (senza limiti di orario) la ristorazione solo all’interno dell’albergo o della struttura ricettiva in cui si è alloggiati. Qualora manchi tali servizio all’interno del proprio albergo o della propria struttura ricettiva il cliente potrà avvalersi di una ristorazione mediante asporto o mediante consegna “a domicilio” (eventualmente organizzata dall’albergo), nei limiti di orario consentiti, con consumazione in albergo.

Commercio al dettaglio: gli esercizi che rimangono sempre aperti (anche in zona rossa) 

• Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati con prevalenza di prodotti alimentari e bevande (ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimenti vari)
• Commercio al dettaglio di prodotti surgelati
• Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici
• Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati (codici ateco: 47.2), ivi inclusi gli esercizi specializzati nella vendita di sigarette elettroniche e liquidi da inalazione
• Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati
• Commercio al dettaglio di apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati (codice ateco: 47.4)
• Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiali da costruzione (incluse ceramiche e piastrelle) in esercizi specializzati
• Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari
• Commercio al dettaglio di macchine, attrezzature e prodotti per l’agricoltura e per il giardinaggio
• Commercio al dettaglio di articoli per l’illuminazione e sistemi di sicurezza in esercizi specializzati
• Commercio al dettaglio di libri in esercizi specializzati
• Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici
• Commercio al dettaglio di articoli di cartoleria e forniture per ufficio
• Commercio al dettaglio di confezioni e calzature per bambini e neonati
• Commercio al dettaglio di biancheria personale
• Commercio al dettaglio di articoli sportivi, biciclette e articoli per il tempo libero in esercizi specializzati
• Commercio di autoveicoli, motocicli e relative parti ed accessori
• Commercio al dettaglio di giochi e giocattoli in esercizi specializzati
• Commercio al dettaglio di medicinali in esercizi specializzati (farmacie e altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica)
• Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati
• Commercio al dettaglio di cosmetici, di articoli di profumeria e di erboristeria in esercizi specializzati
• Commercio al dettaglio di fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti
• Commercio al dettaglio di animali domestici e alimenti per animali domestici in esercizi specializzati
• Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia
• Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento
• Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini
• Commercio al dettaglio di articoli funerari e cimiteriali
• Commercio al dettaglio ambulante di: prodotti alimentari e bevande; ortofrutticoli; ittici; carne; fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti; profumi e cosmetici; saponi, detersivi ed altri detergenti; biancheria; confezioni e calzature per bambini e neonati
• Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet, per televisione, per corrispondenza, radio, telefono
• Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici

Servizi per la persona
• Lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia
• Attività delle lavanderie industriali
• Altre lavanderie, tintorie
• Servizi di pompe funebri e attività connesse
• Servizi dei saloni di barbiere e parrucchiere (non estetiste)

►Negozi aperti a Vicolungo Outlets (link al sito ufficiale): tutti dal lunedì al venerdì.

► Negozi aperti al Centro Commerciale di Arese (link al sito ufficiale):tutti dal lunedì al venerdì, fatta eccezione per i prefestivi e festivi. 

► Negozi aperti a Serravalle Designer Outlets (link al sito ufficiale): tutti dal lunedì al venerdì Molti negozi vendono online. 

► I negozi della Fox Town a Mendrisio in Svizzera sono chiusi fino al 28/2/2021 ma organizzano vendite online (qui il link al sito ufficiale). 

APERTO O CHIUSO IN SVIZZERA?
Le restrizioni causa Covid-19 in Svizzera sono diverse da quelle degli altri Paesi, e molto varia anche a seconda del Cantone e dell’andamento dei contagi. Per questo motivo, è utile consultare la pagina del portale My Switzerland che viene quotidianamente aggiornata sulle limitazioni in vigore (stazioni sciistiche, ristoranti e bar, alberghi, centri wellness, treni, ecc.).

Festa del Papà...segui il link e compragli un regalo su Amazon!