FAI Valcuvia svela i luoghi delle Giornate d’Autunno (16 e 17/10)

Decima edizione delle
GIORNATE FAI D’AUTUNNO
sabato 16 e domenica 17 ottobre 2021

Ecco i luoghi aperti per l’occasione grazie all’impegno dei Volontari della Delegazione Fai Valcuvia e del Gruppo Giovani.  Si trovano a Grantola, Gemonio, Angera e Luino e rappresentano un’occasione unica per visitare e conoscere storie particolari del nostro territorio.

La Giornata FAI è un evento nazionale di partecipazione attiva e di raccolta pubblica di fondi: qui trovi i posti aperti in tutta la provincia di Varese e qui quelli in provincia di Milano.

Visite in 600 luoghi inaccessibili o poco conosciuti in 300 città d’Italia: tra questi, 42 beni delle Forze Armate in occasione del centenario della traslazione del Milite Ignoto

Essendo i posti predefiniti, vi consigliamo vivamente di prenotare sul sito www.giornatefai.it con un contributo minimo a partire da 3€. Chi lo vorrà potrà anche iscriversi al FAI online oppure nelle diverse piazze d’Italia durante l’evento beneficiando, per l’occasione . di quote ridotte.

Tutti voi sapete quanto il vostro contributo possa essere importante per la  Fondazione. Per la sicurezza di tutti e secondo il dettato di legge è obbligatorio essere in possesso di green pass (tranne per i bambini al di sotto dei 12 anni), anche per le visite all’aperto

Ecco svelate le aperture della nostra Delegazione FAI Valcuvia Luino e Verbano Orientale e del suo Gruppo Giovani:

A cura della Delegazione

Il borgo di Grantola (Grantola)
Un avvincente itinerario alla scoperta della storia del paese, tra chiese antiche, palazzi, cortili e testimonianze d’arte.

Il percorso proposto offre l’opportunità di visitare diversi monumenti sconosciuti ai più, che si inseriscono in modo molto leggibile nell’evoluzione storica del paese. La visita avrà inizio dalla chiesa di S.Pietro continuando nel vicino cimitero dove si trova la cappella gentilizia. Lungo il corso del torrente Grantorella si raggiungerà il centro storico, con visita alla chiesa di S.Carlo e al palazzo De Nicola. La passeggiata lungo le vie del paese si concluderà allo storico lavatoio e all’attiguo affresco seicentesco.

Chiesa di S. Pietro (Gemonio)
Una delle più intatte e suggestive chiese romaniche del Varesotto, con cicli affrescati e un rarissimo altare dipinto del X sec.

La chiesa di S. Pietro è uno degli edifici religiosi più antichi della zona. ( 1000 1025 ) E’ composta da tre navate con tetto di legno a capriata; gli affreschi dell’interno sono opera di uno degli artisti della scuola di Galdino da Varese realizzati tra il XV e il XVI secolo. Sul sagrato della chiesa si trovano le cappelle della Via Crucis costruite nel 1768. Restaurate nel 1990, sono state successivamente rinnovate con quattordici formelle opera dell’artista Albino Reggiori

Museo Bodini (Gemonio)
Nella cornice di una corte rurale sapientemente restaurata, vi guideremo alla scoperta delle opere di Floriano Bodini, protagonista del Realismo Esistenziale del secondo dopoguerra.

Il Museo Civico Floriano Bodini, voluto fortemente dall’Amministrazione Comunale , in collaborazione con la Provincia di Varese e con la Comunità Montana della Valcuvia e da un gruppo di estimatori ed amici dello scultore Bodini, nato a Gemonio nel 1933, è stato ricavato all’interno di una cascina del ‘700, con la tipica corte lombarda, ed è stato inaugurato nel 1998. Al suo interno la collezione permanente delle opere di Bodini e di un’ampia collezione di opere scultoree di numerosi altri artisti oltre ad un cospicuo numero di libri d’arte.

A cura del Gruppo Giovani

Palazzo Serbelloni (Luino)
la dimora storica dei Conti Crivelli, storia di un grande palazzo nel cuore della Città di Luino oggi sede del Municipio

Palazzo Serbelloni (Luino): la dimora storica dei Conti Crivelli, storia di un grande palazzo nel cuore della Città di Luino oggi sede del Municipio Palazzo Serbelloni è la sede del Municipio di Luino che nel 2021 festeggia il bicentenario della costituzione del suo Consiglio Comunale. L’edificio si trova nel pieno centro della Città ed è affacciato sul lungolago, recentemente ristrutturato. Il contesto in cui si inserisce è quello del principale centro della sponda orientale del Lago Maggiore a pochi chilometri dal confine svizzero. Ad incorniciare il palazzo, la vista sul lago e sulle vicine vette prealpine.

Kapannone dei Libri (Angera)
L’enorme collezione di libri di Andrea Kerbaker sul Lago Maggiore, sorella della Kasa dei Libri milanese. Dai tesori dell’editoria di Franco Maria Ricci all’estro di Skira.

L’enorme collezione di libri di Andrea Kerbaker sul Lago Maggiore, sorella della Kasa dei Libri milanese. Dai tesori dell’editoria di Franco Maria Ricci all’estro di Skira in un complesso industriale situato tra i comuni di Taino e Angera.