Green Pass e Super Green Pass dal 6 dicembre 2021: cosa cambia, cosa si può fare, cosa no

In base a quanto deciso dal Consiglio dei Ministri del 24 novembre, cambiano le regole su Green Pass e attività consentite secondo nuovi parametri a partire dal 6 dicembre 2021.  Ecco come

C’è confusione nei termini, quindi cerchiamo di fare chiarezza subito. Si sente parlare di Super Green Pass, come se fosse un nuovo certificato da scaricare, ma non è così. Ci saranno due tipi di Green Pass, ed ecco il motivo per cui è stata introdotta la nomenclatura di Super Green Pass o Green Pass Rafforzato.

Super Green Pass o Green Pass Rafforzato: non è altro che l’attuale Green Pass di cui sono dotati i vaccinati con ciclo completo e i guariti. Chi ne è già in possesso, dunque, dispone già di Super Green Pass senza necessità di scaricare nulla di nuovo. Ha semplicemente cambiato nome. La differenza, rispetto ad ora, è che la validità scende da 12 a 9 mesi dall’ultima somministrazione.

Perché è stata introdotta questa nuova nomenclatura? Perché lo si vuole distinguere da quello che viene rilasciato temporaneamente a chi si sottopone, con esito negativo, ad un tampone. La validità di questo Green Pass “temporaneo” è di 72 ore per quelli molecolari, 48 ore per gli antigenici o rapidi.

L’applicazione di controllo C-19, che enti e supervisori utilizzano per controllare se si possiede il Green Pass oppure no, sapranno quindi se avranno di fronte una persona munita di Super Green Pass o Green Pass “temporaneo”. Cambiano infatti un po’ di cose, fra cui le attività possibili che spesso segnaliamo qui su Vareseguida. In base al colore delle regioni, dato dalla diffusione della pandemia, varranno le seguenti regole.

ZONA BIANCA

Basterà un qualsiasi Green Pass, quindi anche temporaneo ( ma non si potrà senza), per:

– Mezzi pubblici in qualsiasi raggio (bus, metropolitane, tram, treni) Importante: dal 6 dicembre, quindi, serve uno dei Green Pass per accedere.

– Aerei

– Impianti da sci

– Ristoranti all’apèrto

– Piscina, palestra, spogliatoi

– Soggiorno in alberghi

Servirà il Super Green Pass (di conseguenza non basterà quello rilasciato temporaneamente in seguito a tampone) per:

– Ristoranti al chiuso, senza limitazione di numero partecipanti

– Cinema, teatri, stadi

– Discoteche

– Cerimonie o feste pubbliche

Per tutti: obbligo di mascherina al chiuso, ma non all’aperto. Se volete fare scorta, su Amazon sono in offerta quelle chirurgiche a partire da 0,15 Eurocent l’una, ma anche le FFP2 constano poco.

ZONA GIALLA

Torna l’obbligo per tutti di mascherina, al chiuso e all’aperto, ovviamente anche per le zone arancioni e rosse. Restano aperti teatri, cinema, musei, spazi per concerti al chiuso, senza limitazioni di capienza, ma dal 6 dicembre serve obbligatoriamente il Super Green Pass, non basta quello temporaneo. Chi è munito di Super Green Pass, inoltre, potrà accedere a discoteche (capienze ridotte al 50% al chiuso) e ristoranti al chiuso, senza limitazioni di numero partecipanti.

ZONA ARANCIONE

Obbligo di mascherina al chiuso e all’aperto, ma torna anche il divieto di uscire dal Comune di residenza fatta eccezione per motivi di lavoro, necessità, urgenza. Sono liberi da questo obbligo i possessori di Super Green Pass. In altre parole, se si possiede il Green Pass temporaneo in seguito a tampone negativo, si dovrà rimanere nel Comune di residenza salvo che per le eccezioni previste.

Le attività rimangono aperte, rispetto alle limitazioni previste dalla “vecchia” zona arancione. Con un grosso distinguo: servirà il Super Green Pass, e solo quello, per accedervi. Per fare un esempio: con il Green Pass temporaneo torna il cibo obbligatoriamente da asporto nei ristoranti, mentre per i possessori di Super Green Pass, e solo per questi,  non cambia nulla rispetto alla zona bianca o gialla. Questi infatti potranno, anche in zona arancione:

– Spostarsi liberamente, anche al di fuori della propria Regione

– Accedere a bar, ristoranti, piscine, palestre, fiere, convegni, parchi divertimento, terme

– Accedere a cinema, teatri, musei (senza limitazioni di capienza)

– Accedere agli impianti da sci

ZONA ROSSA

Se si scatta in zona rossa, significa che la situazione merita una grande attenzione. Nessuno, Super Green Pass o no, potrà uscire dal Comune di residenza se non per motivi di lavoro, necessità, urgenza. Ristoranti e bar chiusi, solo consegne a domicilio o asporto. Negozi, cinema, musei e simili chiusi, con le eccezioni di supermercati, negozi di alimentari, edicole, tabaccherie, farmacie ed eventuali altre attività commerciali il cui codice Ateco lo consente.