Legnanesi, sei pronto a divertirti con loro? assicurati di sapere tutto quello che serve

I Legnanesi a teatro presentano spettacoli molto divertenti che registrano sempre il tutto esaurito: anche nel 2023 prosegue la tournée con ben due spettacoli: “Liberi di sognare” e “Sogni”.
Ecco il link diretto per acquistare i biglietti su Ticketone per entrambi gli spettacoli, e qualche ghiotta anticipazione sulle loro nuove iniziative

I Legnanesi – “Liberi di sognare”
Uno spettacolo nuovo di zecca, che ha preso avvio da Varese e occuperà, anche per i primi mesi dell’anno nuovo 2023, il Teatro Repower di Assago , per poi passare da Legnano, Como, Gallarate e Genova (qui trovi tutte le date e i prezzi).
Con lo spettacolo “Sogni” saranno invece a Conegliano, Gorgonzola, Salsomaggiore Terme, Trento, Verona, Schio (trovi sempre qui il dettaglio di tutte le serate).
Ben due spettacoli nello stesso periodo! Una conferma della popolarità crescente dei tre personaggi a cui il pubblico è ormai affezionato, tanto da seguirli in ogni loro nuova avventura.

“Liberi di sognare” è  la nuova proposta dei Legnanesi che vede il “debutto” di Italo Giglioli nei panni di Giovanni, che ha già dato prova di essere  entrato bene nel suo ruolo.

Il nuovo spettacolo, pur inserendosi nel solco della rivista italiana, riesce a rinnovarsi ed essere al passo con i tempi e le tematiche attuali. In particolare, in questa nuova puntata della saga della famiglia Colombo, ci sarà da affrontare il problema di come far credere, alla famiglia del ricco fidanzato di Mabilia, di essere ricchi e potenti. Un rompicapo che li farà diventare imprenditori di successo, al punto tale da organizzare l’incontro di famiglia in una location grandiosa…uno stadio di calcio!

Liberi di sognare
Durata: 120 minuti
Regia:Antonio Provasio
Autore:Antonio Provasio
Protagonista:Antonio Provasio, Enrico Dalceri, Italo Giglioli

LIBERI DI SOGNARE
Dal 30 dicembre e fino al19  febbraio 2023 i Legnanesi sono al Teatro Repower di Assago – Milano

dalle 20:45
ASSAGO
Teatro Repower
I Legnanesi – Liberi di sognare
da € 19,50
►link su Ticketone

SAN SILVESTRO 2022 A MILANO TUTTO DA RIDERE CON I LEGNANESI ! BIGLIETTI A PARTIRE DA 55 EURO ►link su Ticketone per i biglietti

31
dic 2022
sab 21:00
ASSAGO
Teatro Repower
I Legnanesi – Liberi di sognare
da € 55,00
►link su Ticketone per i biglietti

CAPODANNO 2023 A MILANO:  SI INIZIA CON IL BUONUMORE DEI LEGNANESI !  ►link su Ticketone per i biglietti

01
gen 2023
dom 18:00
ASSAGO
Teatro Repower
I Legnanesi – Liberi di sognare
da € 28,50
►link su Ticketone per i biglietti

I Legnanesi, dopo Milano, per lo spettacolo “Liberi di sognare” si spostano a Bergamo (dal 17 marzo al 26 marzo 2023), poi a Legnano (dal 31 marzo al 2 aprile), Como (dal 5 al 7 maggio), Gallarate (dall’11 al 14 maggio) e Genova (19 e 20 maggio).

Con lo spettacolo “Sogni”, si potranno vedere i Legnanesi a Conegliano (26 febbraio), Gorgonzola (17 aprile), Salsomaggiore Terme (21 aprile), Trento (23 aprile), Verona (15 maggio), Schio (25 maggio).

Chi l’ha detto che a teatro non ci va più nessuno? Le cifre sembrano dire il contrario, e certi spettacoli registrano il tutto esaurito fin dalla comunicazione delle prime date. È il caso dei Legnanesi, che pur facendo un genere particolare quale la commedia dialettale, riescono sempre a riempire i teatri. Merito della bravura degli attori, della comicità del testi e soprattutto della sapiente mescolanza tra tradizione e attualità. I fatti si svolgono per lo più all’interno della tipica “corte” lombarda e hanno dei personaggi fissi, ormai divenuti beniamini del pubblico abituale, che li segue fedele ad ogni nuova rappresentazione: sono Teresa, sotto i cui vestiti si nasconde Antonio Provasio, la classica donna energica, a volte bisbetica ma sempre generosa e di cuore nei confronti delle sue amiche, la figlia Mabilia (Enrico Dalceri ) “zitella e sognatrice” e il marito Giovanni (il ruolo impersonato da Luigi Campisi per più di 40 anni è stato preso da Italo Giglioli) , “avvinazzato e pigro”. La compagnia nasce più di 70 anni fa da un’idea di Felice Musazzi, che interpreta il ruolo della protagonista Teresa, e nel tempo ha realizzato decine e decine di riviste, messe in scena nei principali teatri di tutta Italia e andate in onda anche sulle reti Rai.

La particolarità dei Legnanesi è quella di recitare in dialetto legnanese, un po’ contaminato dal dialetto milanese. Se non siete sicuri di capire quello che dicono, provate a dare un occhio a qualche video dei loro spettacoli, pubblicato su Youtube.  Ci sono molte espressioni dialettali, soprattutto per riprendere dei modi di dire che sono belli e rendono l’idea e che sono famigliari, specialmente a chi è vicino alla pensione, ma nel complesso si capisce senza fatica il senso. Bello e diretto anche il modo che hanno di coinvolgere il pubblico, con simpatia e sincero affetto.


SPETTACOLI  dei LEGNANESI

COLOMBO SI NASCE – I LEGNANESI

In omaggio al grande comico napoletano Totò, Antonio De Curtis, di cui quest’anno ricorrono i 50 anni dalla sua scomparsa (avvenuta il 15 aprile 1967) la rivista di quest’anno è dedicata a Napoli, alle sue musiche e alla sua gente e prima di tutto al “principe della risata”.

70 voglia di ridere c’è – I LEGNANESI

Per festeggiare i 70 anni della fondazione della compagnia (fondata a Legnano nel 1949 da Felice Musazzi) , i Legnanesi hanno ideato una rivista ricca di colpi di scena e di ambientazioni inedite, si passerà infatti dal cortile di casa all’appartamento lussuoso niente meno che nella metropoli Milanese. La Mabilia finalmente riuscirà a coronare il suo sogno di diventare ricca mentre anche Teresa riuscirà a cambiare vita, insomma sembra che tutti i sogni si stiano avverando, quando all’improvviso…

Non ci Resta che Ridere

Un viaggio nel tempo e nello spazio, porta la famiglia Colombo niente meno che a Parigi e poi indietro nel Cinquecento, fianco a fianco con personaggi come Leonardo da Vinci, Michelangelo e Raffaello.
Uno spettacolo che ci fará ballare, divertire e riflettere, ricordandoci che nonostante i problemi e le difficoltá della vita “NON CI RESTA CHE RIDERE!”.

Fonte:  https://www.ilegnanesi.it/