Metaverso: asta di opera d’arte NFT (Made in Italy) fra tecniche classiche e sperimentazione

Sembra tutto così ipotetico, ma il Metaverso è in fortissima espansione già da qualche tempo. SuperRare.com, sito di crypto arte più quotato al mondo, metterà all’asta un’opera NFT realizzata a quattro mani dagli italianissimi Emanuele Dascanio e Matteo Mauro, due artisti completamente diversi fra loro. Vediamo di cosa si tratta.

Se siete spiazzati dal concetto di Metaverso non siete certo soli: risulta davvero difficile avere un’idea chiara di cosa sarà virtuale e cosa non lo sarà, il tutto in un ambiente “finto” ma incredibilmente reale nelle interazioni fra persone, aziende e tutto ciò che popola le nostre vite. Il Metaverso, a modo suo, scompiglia le carte delle nostre certezze, cercando di proporsi come uno spazio alternativo a quello squisitamente reale con potenzialità quasi del tutto inesplorate.

Non ci sono dubbi, però, sul fatto che il Metaverso è in fortissima espansione e definizione di sé, con novità che si susseguono a dozzine da un giorno con l’altro. Fra queste abbiamo piacere a condividere con i lettori di Vareseguida un’asta davvero particolare, a cui però ci abitueremo con il passare del tempo.

Il 10 Febbraio 2022 SuperRare.com, sito di crypto arte più quotato al mondo, metterà all’asta De Metæverse, un’opera NFT realizzata a quattro mani dagli artisti italiani Matteo Mauro e Emanuele Dascanio, le cui espressioni artistiche non potrebbero essere più diverse fra loro. Se il Metaverso ci confonde con reale e virtuale, De Metæverse mette ulteriore carne al fuoco mischiando stili e approcci all’arte completamente differenti. Prima di arrivare a De Metæverse, ecco le brevi biografie degli artisti, che sono fra quelli in mostra permanente al MACS di Catania, da cui abbiamo tratto le fotografie delle rispettive opere riportate in seguito.

Agata/ Agate, 2015
Agata/ Agate, 2015 carboncino e grafite su cartone Schoeller. Emanuele Dascanio, fonte Museomacs.it

Emanuele Dascanio, nato a Garbagnate Milanese nel 1983, realizza opere d’arte di straordinaria bellezza, alcune delle quali vendute per oltre 500 mila dollari. Il suo ambito principale è l’iperrealismo. Considerato uno fra i migliori in questo settore, utilizza tecniche classiche per la realizzazione di opere che sembrano fotografie in bianco e nero, con un realismo impressionante. Emanuele Dascanio ricrea luci ed ombre, profondità ed espressività… principalmente con matita, carboncino e base di cartone.

Barocco, Summer 2018
Barocco, Summer 2018, Computed Engraving. Matteo Mauro, fonte Museomacs.it

Matteo Mauro è tecnicamente agli antipodi: le sue opere sono create esclusivamente in digitale, alla ricerca di un linguaggio antico e moderno al tempo stesso per dare sfoggio alla propria espressione creativa. Nato a Catania nel 1992, utilizza il computer come strumento di espressione artistica. Le sue linee, ordinate con un particolare algoritmo, creano affascinanti opere in cui perdersi o ritrovarsi, lasciando spesso a bocca aperta chi vi si trova di fronte. E’ uno degli artisti NFT più apprezzati a livello internazionale.

Insomma, analogico e digitale, classico e contemporaneo, vero a virtuale confluiranno in un’opera, De Metæverse. Cosa sappiamo? Sarà un lavoro in bianco e nero, dove vi sarà un grande sfoggio di sfumature. Effetto tromp l’oeil e giochi sul punto di vista saranno altri elementi presenti. Caos e ordine, antico e moderno.  In primo piano ci sarà una giovane ragazza dallo sguardo intenso, che guiderà al segreto che si nasconde nel quadro. L’asta per De Metæverse, su SuperRare.com, inizierà alle ore 10.00 del 10 Febbraio 2022, e partirà dal valore di un dollaro USA (sarà possibile pagare solo in ETH, la criptovaluta Ethereum), destinato a salire vertiginosamente.