Mostra KYOJI NAGATANI a Varese

KYOJI NAGATANI
VERSO L’INFINITO
a cura di Alessandra Redaelli
dal 13 marzo al 3 aprile 2021
c/o PUNTO SULL’ARTE a Varese

Vernissage: SABATO 13 MARZO 2021, dalle ore 15 alle 20, con la presenza dell’artista.
Periodo: 13 Marzo – 3 Aprile 2021
Luogo: PUNTO SULL’ARTE, Viale Sant’Antonio 59/61, Varese
0332 320990 I info@puntosullarte.it
Orari: Martedì – Sabato: 10-13 | 15-19.
Catalogo: Testo critico di Alessandra Redaelli

Courtesy Punto sull’Arte

Per celebrare gli oltre quarant’anni dall’arrivo in Italia del famoso scultore giapponese KYOJI NAGATANI, PUNTO SULL’ARTE ha deciso di dedicargli una grande mostra personale che occuperà l’interno piano terra della galleria varesina. Più di venti sculture in bronzo, tra le quali alcune inedite e presentate qui in anteprima, raccontano la storia dell’artista a partire dagli anni in Accademia fino ai giorni nostri, tra mostre, commissioni pubbliche e opere monumentali realizzate tra Italia e Giappone. L’esposizione – l’ultima in Italia prima del suo rientro definitivo in Giappone – è pensata come un’antologica e strutturata in un allestimento museale. I rimandi alla tradizione orientale si fondono senza soluzione di continuità con le memorie della grande storia dell’arte: dall’uovo di Piero della Francesca fino a Constantin Brancusi e Arnaldo Pomodoro. La storia dell’artista, apprezzato a livello internazionale anche per i suoi progetti monumentali, oltre che dalle opere è raccontata anche da una serie di pannelli che ne specificano le tappe, da estratti di testi scritti in precedenza sul suo lavoro e da locandine delle sue principali mostre personali.

Il vernissage della mostra dal titolo VERSO L’INFINITO si terrà SABATO 13 MARZO dalle 15 alle 20. L’evento è realizzato nel rispetto delle norme di sicurezza e l’ingresso alla galleria sarà contingentato. È consigliabile prenotare un appuntamento per assicurarsi una visita nell’orario desiderato tra le 15 e le 20.
Nel corso dell’inaugurazione saranno individuati due o tre momenti “speech” in cui la curatrice presenterà brevemente al pubblico l’essenza della mostra.

Un CATALOGO BILINGUE, con la riproduzione delle opere esposte e i testi di Alessandra Redaelli e di Claudia Notargiacomo, sarà realizzato da PUNTO SULL’ARTE. L’artista sarà presente in Galleria in occasione del vernissage Sabato 13 Marzo.
Per una visita più completa i visitatori sono inoltre invitati a portare un paio di auricolari e lo smartphone in modo da poter accedere al materiale audiovisivo creato per la mostra tramite QR code.

KYOJI NAGATANI nasce a Tokyo nel 1950. Si laurea all’Università delle Arti di Tokyo e presso l’Istituto Superiore di Ricerca dell’Università Statale di Belle Arti della capitale giapponese. Nel 1976 consegue il Diploma di specializzazione nella fusione del bronzo. Il suo legame con l’Italia comincia già nel 1978 quando si trasferisce a Milano per frequentare il primo anno dell’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Nel 1981 torna nel nostro paese dopo aver vinto una borsa di studio del governo italiano che gli consentirà, nel 1984, di diplomarsi all’Accademia milanese sotto la guida degli scultori Enrico Manfrini e Alik Cavaliere. Le creazioni di Nagatani ottengono presto risonanza internazionale ed entrano a far parte di numerose collezioni private. Nel 2000, anno del Giubileo, gli viene commissionato il Cofano per custodire le chiavi della Porta Santa della Basilica di San Giovanni in Laterano a Roma, mentre nel 2009 vince il Premio delle Arti (settore scultura) del Circolo della Stampa di Milano – Associazione Culturale Indro Montanelli. Le sue sensuali e monumentali composizioni coniugano il sogno, la poesia e l’arte offrendosi come occasione di riflessione estetica e critica. Il Vento, il Tempo, la Colonna, la Porta, la Sedia, la Terra, il Silenzio ritornano costantemente come parole chiave, a ritmare i titoli delle sue opere. L’artista si misura con la visione delle cose da un punto di vista filosofico, oltre che fisico. Dividendosi tra l’Italia e il Giappone, lo scultore realizza importanti opere monumentali, come il Monumento per il Teatro Comunale di Hachioji a Tokyo, la Sedia del Vento per l’Open Air Museum di Utsukushigahara di Nagano, La Porta del Vento per l’Open Air Museum di scultura di Hakone e tre monumenti per i Giardini pubblici di Yoshikawa City (Saitama). Tra le sue sculture monumentali in Italia si ricordano Il Seme (2012) per la Scuola Edile di Bergamo a Seriate (BG), la scultura Viaggiatore del Tempo (2008) presso l’Aeroporto di Voghera e il Trono del silenzio (1998) in piazza Don Civilini, Pioltello (MI). Nel 2009 realizza l’imponente e suggestiva Porta della memoria a Chiesa in Valmalenco, Sondrio. Nel maggio 2017 è stato protagonista a PUNTO SULL’ARTE di una suggestiva mostra personale dal titolo “Semi del tempo”. Vive e lavora tra l’Italia e il Giappone.


Punto sull’arte è una galleria d’arte che punta sul carattere italiano ma di respiro internazionale delle sue proposte: sviluppata sui due piani di una Palazzina Liberty poco lontana dal centro di Varese,  propone mostre temporanee  e una mostra permanente dove sono visibili opere di diverti artisti di rilievo.

Fondata a Varese nel 2011 da Sofia Macchi, la galleria PUNTO SULL’ARTE in pochi anni è diventata punto di riferimento centrale per i collezionisti.

ARTISTI IN PERMANENZA 
ANNALÙ
MATTHIAS BRANDES
MASSIMO CACCIA
CARLO CANE
DANIELE CESTARI
OTTORINO DE LUCCHI
JERNEJ FORBICI
LUCA GASTALDO
CLAUDIA GIRAUDO
FEDERICO INFANTE
GIORGIO LAVERI
SILVIA LEVENSON
ALBERTO MAGNANI
MATTEO MASSAGRANDE
MARTA MEZYNSKA
SABRINA MILAZZO
RAFFAELE MINOTTO
ERNESTO MORALES
MARCELLO MORANDINI
NICOLA NANNINI
JOHANNES NIELSEN
ALEX PINNA
RUDY PULCINELLI
BRIAN KEITH STEPHENS
GIORGIO TENTOLINI
VALERIA VACCARO
MARIKA VICARI